Fatto n. 400
Aumentiamo il nostro impegno contro lo spreco alimentare

Entro il 2026 vogliamo valorizzare gli alimenti ancora commestibili in tutto il Paese: ecco perché abbiamo deciso di integrare almeno 500 punti di vendita nel sistema di ritiro e distribuzione di Tavola Svizzera e di Tavolino Magico, salvando così una quantità doppia di cibo ancora commestibile.

In collaborazione con Tavolino Magico abbiamo sviluppato una soluzione per combattere lo spreco alimentare in modo ancora più efficace. Coinvolgendo Tavola Svizzera come partner per la distribuzione degli alimenti salvati, entrambe le organizzazioni possono trarre il massimo beneficio dalle sinergie nei settori del ritiro, della logistica e della distribuzione  (Foto: Salvatore Valeo/Tischlein deck dich).

Ricorriamo a un sistema di ritorno già impiegato presso le centrali di Aclens, Castione e Coira: il cibo ancora commestibile viene riportato alle centrali di distribuzione insieme ai vuoti, senza generare un ulteriore impatto ambientale. A quel punto gli alimenti vengono smistati e inviati ai centri logistici regionali di Tavolino Magico, dove vengono preparati per la distribuzione. Parallelamente stiamo lavorando per introdurre su larga scala il ritiro diretto presso i punti di vendita da parte di Tavola Svizzera.

Questo sistema è già impiegato a Penthalaz, in Svizzera romanda, e sarà gradualmente esteso ad altre regioni di vendita entro il 2026 con l'obiettivo di valorizzare gli alimenti ancora commestibili presenti nei punti di vendita Coop di tutto il Paese e raddoppiare la quantità di cibo salvato. Puntiamo a salvare 5000 tonnellate di cibo all'anno, che corrispondono indicativamente a 25 milioni di piatti da destinare alle persone bisognose. 

Aumentando il nostro impegno contribuiamo al raggiungimento dell'obiettivo di sviluppo sostenibile (OSS) 12.3 dell'ONU, che prevede di dimezzare lo spreco alimentare pro capite e ridurre le perdite di cibo lungo la filiera entro il 2030.

I nostri ultimi fatti

Es ist ein Fehler aufgetreten!
Die Daten konnten nicht abgerufen werden, bitte laden Sie die Seite erneut.