Fatto n. 255
Per non arrossire di vergogna se si mangiano dei pomodori

Richiediamo ai nostri produttori di frutta e verdura marocchini l'applicazione dello standard sociale amfori BSCI per le aziende agricole e confezionatore e di sottoporsi a verifiche (BSCI-Business Social Compliance Initiative).

Coop si impegna a favore di condizioni di lavoro sociali presso i fornitori locali in Marocco.

I responsabili dei controlli intervistano gli lavoratori per appurare che ricevano compensi adeguati e abbiano la possibilità di organizzarsi in sindacati, senza per questo essere oggetto di discriminazioni.

Dal 2010 abbiamo inoltre organizzato diverse tavole rotonde e workshop in Marocco, per promuovere condizioni di lavoro migliori nel settore agricolo. Sono circa 4'000 gli lavoratori marocchini che traggono beneficio dal nostro impegno sociale. (Foto: Heiner H. Schmitt)

  • Coop sta valutando la possibilità di sindacalizzare i collaboratori.
    Foto: Heiner H. Schmitt
  • Circa 4'000 collaboratori beneficiano dell'impegno sociale di Coop in Marocco.
    Foto: Christoph Kaminski
  • Coop richiede ai propri fornitori in Marocco di applicare lo standard sociale amfori BSCI Primary Production.
    Foto: Heiner H. Schmitt
  • Coop verifica se i lavoratori percepiscono un buon stipendio.
    Foto: Heiner H. Schmitt
  • I pomodori Coop provengono da un commercio equo e solidale in Marocco
    Foto: Heiner H. Schmitt
  • Coop promuove buone condizioni di lavoro nel settore agricolo in Marocco.
    Foto: Heiner H. Schmitt
  • Coop sta valutando la possibilità di sindacalizzare i collaboratori.
    Foto: Heiner H. Schmitt

I nostri partner

Altri fatti su questo argomento

Es ist ein Fehler aufgetreten!
Die Daten konnten nicht abgerufen werden, bitte laden Sie die Seite erneut.