Fatto n. 93
Stress idrico; no grazie

Nel 2013, nell’ambito di un progetto pilota abbiamo testato i nostri principali fornitori ortofrutticoli in Paesi e regioni soggetti a crisi idriche secondo gli standard più attuali.

Nel 2013 Coop ha esaminato i principali fornitori di frutta e verdura.

Chiedendogli di dimostrare di utilizzare fonti idriche legali per l’irrigazione, di gestire tali risorse in modo efficiente e di minimizzare l’inquinamento dei corsi d’acqua. Sono stati controllati complessivamente 5’000 ettari di superficie coltivata dai nostri fornitori in Sudamerica, Sudafrica e Medio Oriente.
È il nostro contributo per contrastare il cosiddetto stress idrico, ovvero la situazione che si verifica nei paesi e nelle regioni con una spiccata carenza d’acqua. Poiché il 70% delle risorse idriche mondiali viene utilizzato in agricoltura, le misure intraprese in questo settore si dimostrano particolarmente efficaci per ridurre tale fenomeno. (Foto: Raphael Schilling)

  • I fornitori Coop devono ricorrere a fonti d'acqua legali.
    Foto: Raphael Schilling
  • I fornitori Coop in Sudamerica, Sudafrica e Medio Oriente sono stati ispezionati.
    Foto: Raphael Schilling
  • Con questi progetti Coop contrasta lo stress idrico.
    Foto: Raphael Schilling
  • Le misure di Coop sono particolarmente efficaci nel settore agricolo.
    Foto: Raphael Schilling
  • Anche la gestione delle risorse idriche dei fornitori Coop deve essere efficiente.
    Foto: Raphael Schilling
  • Coop ha controllato 5000 ettari di terreno agricolo.
    Foto: Raphael Schilling
  • Questi progetti Coop possono anche ridurre al minimo l'inquinamento idrico.
    Foto: Raphael Schilling
  • I fornitori di frutta e verdura provenienti da Paesi in cui l'acqua scarseggia sono stati controllati da Coop in base alle norme vigenti in materia di acqua.
    Foto: Raphael Schilling
  • Coop ha controllato le fonti d'acqua, la gestione e la qualità dell'acqua dei fornitori di frutta e verdura.
    Foto: Raphael Schilling

Altri fatti su questo argomento

Es ist ein Fehler aufgetreten!
Die Daten konnten nicht abgerufen werden, bitte laden Sie die Seite erneut.